Le mie Nail Art design prove sulle tips

NAIL ART MOLTO TRENDY PER IL 2017:

img-20170213-wa0007

 

Ho fatto alcune decorazioni sulle tips  utilizzando la micropittura con i gel painting, il gel 3D, la polvere chrome mirror, il pizzo, i cristalli pixie, il finish effetto opaco e la fantasia.

I gel 3D mi piacciono per fare tanti tipi di decorazioni, amo particolarmente i rigori che in tantissimi modi permettono di abbellire qualsiasi colore di gel che si sceglie come base.

In questo negozio, dove vendono tutti i prodotti per la ricostruzione unghie,organizzano delle giornate che lo chiamano Open day,  che sono fatte per le ragazze che vogliono imparare nuove decorazioni, conoscere le ultime novità nel mondo della Nail Art Design

Si impara sempre qualcosa,  perchè le ragazze gentilissime che gestiscono il negozio  e sono anche delle insegnanti di vari corsi per la ricostruzione unghie gel, Nail art design e altri….Loro condividono le sue conoscenze e a me piace un sacco perchè torno sempre con nuove idee e fantasie .

Alcune delle decorazioni nella foto le ho fatte all’Open Day San Valentino, dove le ragazze esperte ci danno degli spunti e idee per ogni festa e occasione.

Le tendenze di quest’anno promuovono i colori nude, le sfumature, la polvere chrome mirror ( effetto specchio), i cristall pixie, c’e veramente da sbizzarrirsi.

Allora…a voi cosa vi è piaciuto di più tra le decorazioni trendy di quest’anno? :)

Nei prossimi articoli pubblicherò più Nail Art design molto trendy per il 2017 🙂

Nascere negli anni ’80

Cosa significa nascere negli anni ’80

Negli anni 80 quando rimanevo a vivere con la nonna in campagna , non era certo quello che volevo se avessi avuto i genitori che mi volevano con loro.

Si preferisce sempre stare con Mamma e Papà, ma c’è da dire che vivere con la nonna è la cosa più bella che ti possa capitare se non hai la mamma.

Avevo 4 o 5 anni e non mi ricordo come i miei genitori hanno deciso di lasciarmi, di solito i bambini non capiscono di cosa parlano i genitori, cosa decidono, se si amano, se si odiano. Non li ho mai visti litigare, ricordo solo il sorriso di mia mamma e le volte che mi facevano un regalo, un giocattolo nuovo,qualsiasi cosa che mi comprava mio padre, faceva intendere che era da parte di tutte e due, non solo da parte sua.

Non so come sia possibile ricordare questa cosa, per me sembrava che andava tutto bene, vedevo mia madre sorridere, mio padre mi prendeva in braccio e mi chiamava amore, mi faceva il solettico nella pancia ed io ridevo mentre mi lanciava nell’aria ed era bellissimo la sensazione di volare per un’attimo.

Dormivo abbracciata alla mamma, passeggiavamo e lei mi teneva per mano, mi sentivo padrona del mondo, nessuno era più grande di lei,più bella di lei…perchè lei era bellissima, bianca, alta, capelli neri lunghissimi, dolce e mi amava.

Mio padre era il mio eroe, anche lui bellissimo, e chi non lo pensa? i nostri genitori sono sempre bellissimi, hanno dei poteri e ci amano.

Forse tutti questi pensieri non li avrei capiti se loro erano sempre rimasti con me,non lo so….in quel momento era scontato, li tenevo li, non sembrava una cosa nuova.

Quando sei abituata ad una cosa,non sai cosa significa non averla,tutto sembra dovuto…beh in quel momento ero come tutte le bambine,mi alzavo alla mattina ed era tutto pronto.Mia madre mi preparava il latte caldo, zucchero, il pane e non ricordo se mi dava con gli spalmabili.

Mi comprava la mela, che inizialmente pensavo che era un dolce fatto dall’uomo, poi ho scoperto che era un frutto.

sewing-machine-1806096_640

La macchina da cucire

Ricordo che mia madre lavorava facendo i vestiti su misura a casa,disegnandoli e cucendo con la su macchina da cucire, quella antica che adesso trovi nei negozi di antiquariato.

Lei faceva bene i vestiti, ti faceva le misure con il metro e i tessuti li provvedeva le stesse clienti. Ricordo che lei li metteva sul tavolo, lungo di legno che aveva fatto mio padre, perche lui faceva il falegname, e lo fa tutt’ora. Anche lui si vestiva bene con i pantaloni cuciti da mia madre, penso anche le camice.

Mia madre fa ancora i vestiti, ma adesso ha quella macchina moderna, credo abbia la passione, perchè poi quando ero già grande ho trovato i vestiti disegnati, confezionati da lei ed erano belli, femminili.

iron-1784269_640

Il ferro da stiro

Per stirare usava il ferro da stiro, pesava molto, aveva dei bucchi e si caricava con il carbone vegetale acceso, aprivi il coperchio e mettevi dentro i pezzi di carbone fiameggianti.

A volte capitava che uscivano le scintille  che poi finivano sui vesititi,bucavano le camicie, ma che ne so..forse non esistevano ancora i ferri elettricci, non mi ricordo, però in quel momento era tutto nella norma, io avevo solo 4 anni, ma ricordo che mi sentivo amata…

Mi ricordo che mia madre mi dava degli abbracci, dei baci..mi ricordo che mi comprava delle bambole con i capelli lunghissimi,lo faceva perchè io altrimenti piangevo…piangevo tantissimo e sapevo che questo funzionava.

Però non capivo il perchè volevo tagliarle i capelli,visto che dopo rimanevano brutte. Le volevo con i capelli lunghissimi e nella mia mente c’èra già il piano di tagliarle i capelli…ma perchè?. Ricevevo le minacce che sarei stata castigata se li tagliavo di nuovo, io dicevo che non l’avrei più fatto, ma lo facevo ugualmente, appena mi trovavo sola……